TASI
Valea Völcker
 
 
 
 
 
Valea Völcker

Valea Völcker - Attrice, ballerina, performer


Valea Völcker è una giovane artista, attiva nell'ambito del teatro fisico e teatro-danza, diplomatasi all'Accademia Teatro Dimitri in Ticino.

Appassionata di viaggi e cittadina del mondo, Valea Völcker ha sempre avuto molti interessi diversi, a cui si è dedicata con grande passione. Nata in Francia da genitori tedeschi e cresciuta in Svizzera francese circondata da un ambiente internazionale, parla perfettamente il tedesco, l'italiano, il francese e l'inglese. Fin dall'età di 5 anni, prende lezioni di danza, di pianoforte e di circo e più tardi si aggiunge il teatro. Anche a scuola ha spesso l'occasione di stare sul palco e trova un grande fascino per la recita. All'età di 13 anni si trasferisce in Ticino, dove si appassiona per le danze popolari, che pratica tutt'ora. Impara da autodidatta la fisarmonica, si allena al canto e si specializza in trapezio. Si dedica anche al disegno e scrive poesie e testi di prosa.

Nel 2016 viene ammessa all’Accademia Teatro Dimitri, dove segue una formazione di teatro fisico. Diventa creatrice dei propri pezzi di teatro e danza e partecipa a diverse grandi produzioni, come “Peer Gynt”, in collaborazione con l’Orchestra della Svizzera Italiana, dove ha il ruolo protagonista di Solveig come trapezista e cantante, il Variété "I dodici Imperfetti" e “Avanti, Avanti, Migranti!” sotto la regia di Volker Hesse. Parallelamente, partecipa come protagonista al cortometraggio "Sogna" di Stefano Ferrari.

Dopo aver concluso la sua formazione in novembre 2019, parte in viaggio con l'Organizzazione Clowns Senza Frontiere per una tournee in India e dà lezioni di danza da MOPS_DanceSyndrome a Locarno. Nel 2020 crea con Hannes Achim Langanky la compagnia WaldWild physical theater, che presenterà in autunno 2020 la sua prima produzione.

Curiosa ed ambiziosa, tutt'ora il suo percorso rimane una ricerca, dedicata all'arte, alla natura, all'essere umano e all'ironia delle domande profonde, sempre in vista di nuove sfide.
 

.  
.